Mobile navigation
Mobile navigation

Sì alla vita, ma con dignità

28 Novembre 2009

Articolo di Carlo Maria Martini in “La Stampa” del 27 novembre 2009 
Nascere» e «morire» sono due momenti decisivi della nostra esistenza, su cui si concentrano moltissimi interrogativi.

Tanto più che la scienza contemporanea, con le sue applicazioni quasi prodigiose, non semplifica, ma complica i problemi, anche perché permette di prendere in considerazione casi che prima venivano semplicemente abbandonati a se stessi. 
Per orientarsi in tutta questa problematica complessa è molto utile, accanto al semplice concetto di vita fisica, anche quello della dignità della vita. Esso è sostanzialmente, per un cristiano, il fatto che la vita fisica temporale è indirizzata alla eternità della vita divina. 
Non è quindi questione di alcune condizioni esterne, ma di qualcosa che inerisce al profondo della persona. 
Per questo mi pare molto opportuno che si considerino i passi biblici relativi ai momenti estremi dell’esistenza di Gesù. 
E’ considerando questi momenti di «eccesso» o di «eccedenza» del destino di Gesù (pensando sia all’Incarnazione come alla morte di Gesù in croce) che è possibile cogliere la folgorante grandezza della dignità dell’uomo, che rispecchia quella di Cristo.

Segnalazioni

La tua opinione per noi è importante

Indica qui di seguito i tuoi dati per poterti contattare e la pratica relativa alla tua segnalazione.


INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679 (GDPR) IN MATERIA DI TRATTAMENTO E PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI